lunedì 1 settembre 2008

UBRIACHI AL VOLANTE / AGENZIE E GIORNALI SI BEVONO LA STORIELLA CHE "UN CONDUCENTE DI AUTO SU DUE E' POSITIVO AI TEST" PER ALCOL E DROGHE. DAVVERO?

La Calabria non c'entra, l'informazione si. Il governo lancia la campagna Drugs on the street (sic!) per i controlli stradali del tasso alcolico e delle altre sostanze stupefacenti, e convoca i media a seguire una notte di verifiche straordinarie. I media ci si fiondano, al circo delle volanti messe di traverso e dei lampeggianti e delle facce stravolte, e l'indomani escono titoli come questi: Un guidatore su due positivo ad alcol e droghe, Sicurezza stradale, a Verona 46,2% positivi ad alcol e droghe.
Alla semplificazione non si sotraggono nemmeno Repubblica, Stampa e Corriere. Ma come stanno le cose? Davvero il campione di controlli ci dice che su due persone alla guida, una era ubriaca o aveva preso altre droghe?
Che la statistica e i sondaggi siano come una specifica parte dell'anatomia maschile, che si può tirare da ogni direzione, gli esperti lo sanno. E in tempi non sospetti già il grande Trilussa aveva messo in guardia dalle insidie che si celano in quello che gli anglosassoni chiamano poll (il famoso "poll" di Trilussa?). Quindi nessuna scusa: maneggiare numeri senza capirli può fare danni. Il pistolotto di cui sopra per dire che a bere troppo forse sono i giornalisti, che trangugiano senza nemmmeno domandarsi se faccia male qualunque velina gli venga allungata.
Si, perché leggendo più attentamente, capisco che le cose sono andate così. La notte dei controlli seguiti da telecamere e taccuini, sono state controllate 664 persone. A 80 di loro è stato chiesto di sottoporsi al test su alcol e droghe. Di questi 37 sono risultati positivi. Ora, se è vero che 37 su 80 fa il 46 per cento (Uno su due), è anche vero che 37 su 664 fa il 5 per cento circa. Quindi i titoli avrebbero dovuto dire: Di 80 guidatori che sembravano ubriachi, la metà lo era davvero. Oppure: Sicurezza stradale, a Verona il 5 per cento (delle persone fermate ai controlli) positivo ad alcol e droghe. Poco, per destare sensazione. Allora la domanda: a chi fa bene che circolino notizie del genere?

1 commento: